Ravenna Dante

Salta ai contenuti
Ravenna Dante
 
Sei in: Home » Notizie » MIGRANTI, ANCI-VIMINALE, VERSO SPRAR COME SISTEMA UNICO DI ACCOGLIENZA

MIGRANTI, ANCI-VIMINALE, VERSO SPRAR COME SISTEMA UNICO DI ACCOGLIENZA

Eliminare i Centri straordinari per l'accoglienza dei migranti e promuovere un unico sistema, quello dello Sprar, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati che fa capo ai Comuni italiani. E' l'obiettivo del Piano Anci-Viminale perfezionato in questi giorni a Bari, nel corso dell'assemblea annuale dei sindaci.

L'obiettivo è di ripartire le presenze di migranti, in piccoli numeri, su tutto il territorio nazionale. "Vogliamo provare - ha spiegato oggi il responsabile Immigrazione di Anci, Marco Biffoni - a gestire il fenomeno migratorio facendo leva sullo Sprar che vorremmo fosse il sistema di accoglienza diffuso su tutto il territorio. Con il sistema attuale il prefetto può chiamare un sindaco in qualsiasi momento e stabilire il numero di migranti che il territorio deve accogliere. Un esempio è il caso del comune di Bagnoli che con 3.600 abitanti ospita 900 profughi in una caserma". Nel nuovo Piano di accoglienza si prevede di procedere ad una distribuzione equa e sostenibile dei profughi nei Comuni, con un tetto fissato a 1,5 ogni mille abitanti mentre per gli altri comuni 2,5 migranti ogni mille abitanti, lasciando esenti i Comuni sotto i 2mila abitanti. Il neo presidente dell'Anci Antonio Decaro ha posto l'accento sulla necessità di garantire un'accoglienza sicura e diffusa sul territorio puntando sulla rete dello Sprar "non solo per gestire il fenomeno migratorio ma anche per garantire reali opportunità di integrazione e inclusione sociale".

 

L'altra novità emersa in questi giorni a Bari è l'emanazione in queste ore di una direttiva del ministro dell'Interno che esplicita una clausola di salvaguardia la quale "rende esenti i Comuni che appartengono alla rete Sprar e che abbiano già formalmente manifestato la volontà di aderirvi, dall'attivazione di ulteriori forme di accoglienza". Il sindaco di Genova, Marco Doria, ha evidenziato come "il problema della presenza dei migranti sul territorio va risolto in modo semplice: bisogna farli lavorare per le comunità dove sono ospitati. Ma per fare questo, servono regole che colmano il vero e proprio vuoto normativo che abbiamo in questo settore".

 

Il Piano, ha rilevato da parte sua Mario Morcone, il direttore del Dipartimento libertà civili ed immigrazione del ministero dell'Interno, "impegna a coinvolgere tutti gli 8000 sindaci italiani, il che significa che in base alla popolazione saranno tutti chiamati a fare la propria parte. In Veneto come in Calabria, in Sicilia come in Lombardia. La direttiva – ha sottolineato - prevede che si cercheranno posti dove i sindaci non hanno fatto accoglienza fino ad oggi".

 

Il piano Anci-Viminale si basa su una previsione di accoglienza annuale che rispecchia i numeri attuali degli arrivi, tra i 160-170mila all'anno. La maggior parte (125mila) e' sistemata nelle strutture temporanee, ad oggi spesso individuate dai prefetti sul territorio bypassando i sindaci. Il nuovo Piano dovrebbe premiare i Comuni che ospitano con diversi incentivi: una quota straordinaria per ogni migrante accolto, il superamento del blocco delle assunzioni e l''immunita'' da distribuzioni coatte da parte dei prefetti.

fonte: ANSA

AGENDA EVENTI

‹‹ Settembre 2020 ››
L M M G V S D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30